Roma Tiburtina

 

La Stazione

Roma Tiburtina è la seconda stazione ferroviaria della Capitale per volume e tipologia di traffico, circa 500 treni al giorno, 140 mila transiti giornalieri e 51 milioni di utenti l’anno.

Roma Tiburtina, oltre a essere un nodo cruciale per la mobilità capitolina, è la prima stazione del Sistema Alta Velocità della tratta Torino-Milano-Salerno a essere stata completata e si candida a diventare uno spazio fondamentale per la crescita della città, con un grande potenziale di sviluppo sia residenziale sia direzionale.

Innovazione, tecnologie, attenzione al cliente e funzionalità: una superficie di circa 35.000 mq di aree aperte al pubblico di cui 18.000 mq circa di spazi destinati ai servizi ai viaggiatori, alla ristorazione, ad aree commerciali e ad aree espositive in un’opera architettonica di grande valore.

Vetrina di qualità dell’architettura ferroviaria contemporanea, con un design avveniristico, Roma Tiburtina esprime l’eccellenza del “luogo per la città” ed è una delle più grandi realizzazioni infrastrutturali urbane del nostro Paese.

Cuore del progetto è la grande galleria vetrata realizzata al di sopra dell’esistente piattaforma ferroviaria che, come un boulevard urbano, unisce due quartieri: Pietralata e Nomentano. Lunga 300 metri e larga 60, la galleria sopra i binari è un parallelepipedo di vetro che ospita servizi per i viaggiatori e per la città. Un grande “contenitore sospeso” che giorno dopo giorno si arricchisce di servizi all’altezza del nuovo hub italiano dell’Alta Velocità, rendendola completa e funzionale anche per i cittadini.

La lastra Cavour

La lastra commemorativa dedicata a Camillo Benso Conte di Cavour, posta nell’Atrio Nomentano della nuova stazione ferroviaria per i treni AV di Roma Tiburtina, è stata realizzata a cura della Presidenza del Consiglio dei Ministri nell’ambito delle celebrazioni per il 150esimo anniversario dell’Unità d’Italia.

Sulla lastra, come in un libro aperto sull’angolo dell’atrio della stazione, sono incisi sul lato Ovest il discorso pronunciato da Cavour alla Camera dei Deputati il 25 marzo 1861 e sul lato Sud quello relativo alle “strade ferrate” tenuto nel 1846.

I due grandi campi dell’iscrizione sono realizzati con l’assemblaggio di lastre modulari in lamiera di acciaio corten. 90 fogli assemblati compongono le 45 lastre dell’installazione che nel suo insieme copre 150 m2 di superficie, pesa 13 tonnellate, contiene 1.000 parole e 6.000 caratteri.

L’iscrizione ad Ovest che contiene il “Discorso alla Camera dei Deputati” misura 5,48 m di larghezza e 20,16 m di altezza. Le 36 lastre che la compongono coprono una superficie complessiva di 110 m2 e ciascuna ha larghezza di 150 cm e altezza 216 cm, ad eccezione delle lastre nell’ultima fascia superiore che sono di altezza 272 centimetri.

L’iscrizione a Sud che contiene il “Discorso sulle strade ferrate” misura 2 m di larghezza e 20,16 m di altezza. Le 9 lastre che la compongono coprono una superficie complessiva di 40 m2 e ciascuna ha larghezza totale di 200 cm, con una larghezza interessata dal testo di 182 centimetri. 

La fascia del bordo inferiore su entrambi i lati è una macro didascalia alta 232 cm che descrive ad altezza d’uomo il contenuto della lastra. Sopra il nome di Cavour una frase significativa offre in forma sintetica il significato del testo.

I tre tipi di iscrizione – la didascalia, la grande scritta Cavour, i discorsi – corrispondono a diversi livelli di lettura in funzione del punto di vista dell’osservatore.

Ogni viaggiatore potrà costruire il suo testo personale in funzione del punto di vista e dalla distanza e dalla superficie di lettura della lastra.

La Sicurezza

Nella stazione di Roma Tiburtina è attiva una control room che assicura il presidio ininterrotto della stazione attraverso il servizio di vigilanza e la supervisione degli impianti di sicurezza.

E’, inoltre, presente un servizio di vigilanza che assicura il presidio delle aree, la rilevazione e la segnalazione delle non conformità, gli interventi di security. Oltre a questo, tutela e la gestione dell’emergenza, unitamente al personale di manutenzione, per il primo intervento e il supporto ai soccorritori esterni.

A supporto e ottimizzazione delle Risorse umane, si associano gli impianti di sicurezza. Infatti, nella stazione, sono stati realizzati:

  • impianti di videosrveglianza e videoregistrazione digitale;
  • impianti di controllo accessi e antintrusione ;
  • sistemi di rilevazione incendi.

Il sistema, per come descritto, è organizzato in stretto coordinamento con la Polizia Ferroviaria per garantire così l’immediata escalation della gestione delle criticità in essere.

I Servizi

  • Bancomat
  • Farmacia
  • Freccia Club
  • Informazioni
  • Lounge Italo Club
  • Parcheggio
  • Sala Blu - Assistenza
  • Servizi igienici
  • Shopping